NEWS

Convegno di Udine

CARMAGNOLA, 25 ottobre 2011 - 
Svoltosi presso l’UniversitÓ di Udine il 21 ottobre 2011 il Convegno ha concluso il progetto coordinato dalla prof. Carla da Porto, responsabile del Dipartimento di Scienze degli Alimenti.
Il prof. Romano Giovanardi ha illustrato le modalitÓ di coltivazione, nella Carnia, delle varietÓ di canapa monoiche che hanno fornito il seme per lo svolgimento della ricerca.
La prof. Da Porto ha sintetizzato i processi seguiti e i risultati ottenuti nel ricavare l’olio: la conferma che la composizione in acidi grassi Ŕ indicativa della varietÓ di canapa; che l’olio Ŕ caratterizzato da una notevole presenza oltre che di omega 3 e di omega 6 anche di tocoferoli (potenti antiossidanti che fanno parte del gruppo delle vitamine E); che la stabilitÓ ossidativa dell’olio si Ŕ dimostrata diversa a seconda delle varietÓ, maggiore nella Fenola, minore nella Juso 31; che l’olio di semi di canapa per il contenuto in omega 3 ed omega 6 Ŕ un “alimento farmaco”, per l’azione di prevenzione che esercita.
Ha quindi illustrato il metodo di estrazione pi¨ moderno e pi¨ “naturale”, oggetto specifico della ricerca, che aumenta il valore dell’olio per la salute e quindi anche il suo valore economico. Si tratta del metodo di estrazione con CO2 a 73,81 atmosfere di pressione, detto “supercritico”, che giÓ viene impiegato per decaffeinare e per la produzione di essenze.
Questo metodo di estrazione Ŕ stato confrontato con l’estrazione tradizionale con solvente esano (che arriva a rese del 30% ma le tracce di esano che contiene sono cancerogene) e con la spremitura a freddo, che arriva ad una resa massima del 16%.
Il prof. Dario Voinovic, della FacoltÓ di Farmacia del’UniversitÓ di Trieste, che ha collaborato svolgendo una ricerca sulla biodisponibilitÓ dell’olio di semi di canapa (capacitÓ di essere assorbito dell’organismo umano), ne ha data piena conferma.
 

www.assocanapa.org :: assocanapa@gmail.com :: via Morello 2/A - 10022 CARMAGNOLA (TO)