NEWS

Circolare n.1/2015 - Lettera agli interessati
a coltivare canapa industriale nel 2015
(scarica il pdf)

CARMAGNOLA (TO) - Per informazioni generali e sintetiche sulla coltivazione della canapa si consiglia di consultare le prime sezioni del sito www.assocanapa.org, che è aggiornato sulla base di esperienze pratiche consolidate da diversi anni di attività. Unita a questa lettera trovate poi una sintetica scheda di coltivazione, utile gli agricoltori esperti e a coloro che si affacciano per la prima volta alla coltivazione per farsi un’idea chiara delle pratiche colturali, del bilancio dei costi e dei ricavi e della situazione di mercato 2015.

Tramite il sito www.assocanapa.org e la pagina www.facebook.com/Assocanapa potrete seguire il calendario degli eventi e partecipare agli incontri che saranno organizzati in giro per l’Italia con la nostra partecipazione.

Per quanto concerne gli aspetti burocratici, anche se il disegno di legge quadro sulla canapa industriale è stato approvatoall’unanimità in Commissione Agricoltura della Camera, essendo ancora necessaria l’approvazione da parte del Senato, non sembra che i tempi tecnici consentano un cambiamento della normativa per l’annata agraria 2015. Se ci fossero novità ne daremo comunque tempestiva notizia tramite il sito www.assocanapa.org e la nostra pagina facebook.

Per quanto invece riguarda l’acquisto di paglie di canapa (steli) da parte dei due impianti di prima trasformazione attivi, quello di Carmagnola (TO) e quello di Crispiano (TA), i programmi 2015 saranno definiti nei limiti delle potenzialità di tali impianti, tenuto conto dei risultati dell’annata agraria 2014 e degli impegni che saranno presi a mano a mano. Si evidenzia che le condizioni di acquisto di paglie o di seme da parte di Assocanapa srl saranno soltanto quelle che risulteranno da contratti regolarmente sottoscritti.

Ad oggi esistono diverse intenzioni di realizzazione di altri impianti di prima trasformazione: in Veneto, Lombardia, Emilia, Umbria, Marche, Lazio, Toscana, Abruzzo, Molise, Calabria, Sicilia.
E’ però necessario tenere conto che l’eventuale avvio avverrà in genere nel contesto delle opportunità derivanti dai nuovi Piani di Sviluppo Rurale regionali, a partire dal 2015.

Il consiglio per chi ha intenzione di avviare la coltivazione è di acquistare il seme per tempo perché si prevede per il 2015 un incremento delle superfici in Europa a fronte di un raccolto di seme 2014 molto scarso, a causa delle condizioni meteo.



Scheda informativa coltivazione canapa 2015 (scarica il pdf)

La canapa: risorsa sostenibile per l’agricoltura.
La canapa è una buona risorsa per un’agricoltura naturale ed innovativa, fornisce un aiuto efficace alla difesa dell’ambiente, contrasta l’inquinamento dell’ecosistema, difende la biodiversità, migliora i terreni, favorisce la rotazione colturale e la conversione al biologico, riduce i costi energetici, il consumo d’acqua e l’impegno lavorativo dell’agricoltore.
Essendo una coltura poco esigente e molto adattabile, costituisce un’opportunità per l’agricoltura. Rende il massimo nei terreni sciolti e fertili ma si adatta bene anche nelle aree marginali. Se seminata con buona tecnica, con una crescita veloce soffoca tutte le infestanti, non patisce le gelate tardive, in genere non è attaccata da parassiti e non richiede irrigazione, soffre molto il ristagno di acqua specie nel primo stadio di vegetazione.
La coltivazione della canapa industriale è lecita, non occorrono specifiche autorizzazioni, non occorre recintare i campi o esporre cartelli, basta seguire le poche prescrizioni impartite dal Ministero delle Politiche Agricole.
La coltivazione della canapa industriale è soggetta a controlli amministrativi del contenuto di THC che avvengono ogni anno su un campione delle aziende che coltivano, previa comunicazione telefonica da parte dell’ente di controllo. Sono sempre possibili controlli delle Forze dell’Ordine nel contesto delle attività finalizzate a prevenire la produzione di droghe; negli ultimi anni si sono verificati in ogni stagione quattro/cinque controlli delle Forze dell’Ordine, senza conseguenze di rilievo per i coltivatori.

COLTIVAZIONE PER LA PRODUZIONE DI PAGLIE DI CANAPA (steli):

Semina: preparazione del terreno come per i cereali, con seminatrice da frumento; distanza tra le file 15/20 cm; densità 50 kg/ha; profondità max 2 cm. Periodo: da marzo (Sud) ad aprile (Nord).
Varietà consigliate: monoiche tardive, per il 2015 Futura 75. Costo seme: 6,50 euro/kg + IVA 10%
Raccolta: a ciclo vegetativo completato (fine luglio/agosto), con barra falciante a denti; essiccazione in campo, andanatura e pressatura (rotoballe o balle prismatiche); stoccaggio in azienda (come per la paglia) e successivo conferimento all’impianto di prima trasformazione secondo accordi, con umidità non superiore al 13%, per garantirne la conservazione.
Produzione media: da 80 a 130 q/ha di prodotto secco.
Prezzo di acquisto delle paglie: 15 euro/q franco destino
Mercato 2015: gli impianti esistenti (Assocanapa srl a Carmagnola – TO – Southemp Techno srl a Crispiano - TA) stipuleranno contratti di acquisto fino all’esaurimento del loro potenziale di lavoro.

COLTIVAZIONE PER LA PRODUZIONE DI SEME ALIMENTARE DI CANAPA

Semina: preparazione del terreno come per le colture da paglie; densità di semina 35 kg/ha. Periodo: da metà marzo (Sud) e metà maggio (Nord). Varietà consigliate: monoiche Futura 75, Felina 32, Fedora 17,Iuso 31. Costo del seme: 6,5 euro/kg + IVA 10%.
Seme biologico: siccome non esiste seme di canapa biologico, Assocanapa srl si è assicurata seme garantito non trattato. L’agricoltore biologico dovrà quindi chiedere la deroga.
Raccolta: fine settembre/inizio ottobre con mietitrebbia (preferibilmente con battitore assiale) con barra da frumento o altra barra idonea, successiva immediata asciugatura con essiccatoio a bassa temperatura. Produzione media: da 6 a 12 q/ha. Prezzo di acquisto del seme alimentare nel 2014: 150 euro/q convenzionale, 180 euro/q seme certificato biologico. Prezzo di acquisto del seme alimentare nel 2015: come da contratto.
Mercato 2015: Assocanapa srl secondo i propri programmi di sviluppo stipulerà contratti di acquisto del seme alimentare di canapa privilegiando soprattutto le produzioni biologiche certificate.

VARIETA’ DA SEMINARE – CONFEZIONI - PREZZI

Per le prime esperienze di coltivazione è sempre consigliabile l’impiego di varietà monoica ( le più facili da gestire). Per la produzione di paglie di canapa sono più adatte le varietà monoiche tardive e le varietà dioiche italiane ma, per impegni già assunti e condizioni meteo 2014 attualmente non c’è disponibilità di seme di varietà dioiche.

Tutto il seme di canapa da semina certificato è confezionato in sacchi da 25 kg. Non è possibile acquistare sementi in quantità inferiore essendo indispensabile per la liceità della coltivazione il possesso del cartellino che attesta la certificazione e che è attaccato al sacco. Il seme non seminato può essere utilizzato l’anno successivo perché conserva la germinabilità se conservato in luogo sano. Si raccomanda comunque la conservazione del cartellino.
Tutte le varietà proposte da Assocanapa srl, ditta sementiera autorizzata, sono affidabili sia per quanto concerne il contenuto di THC che per la produttività, dimostrate da oltre 16 anni di esperienza.
L’elevatissima richiesta di seme di canapa da coltivazione sia da parte di aziende italiane che estere a fronte di raccolti scars ha determinato un aumento di prezzo a partire dal 1 marzo 2015 di 1,00 € al kg, pertanto il prezzo attuale fino ad esaurimento scorte è di euro 6,5/kg + IVA 10% + spese di trasporto se richiesto.

CONDIZIONI PER OTTENERE IL CONTRIBUTO PAC

Dall’annata 2001-2002 la coltivazione della canapa non fruisce più di contributi particolari ma fruisce del contributo PAC come gli altri seminativi, ai sensi dei regolamenti europei vigenti a condizione che il coltivatore:
- coltivi un campo vero e proprio
-indichi la coltivazione della canapa nella Domanda Unica (denuncia PAC)
-conservi la fattura di acquisto delle sementi certificate e il cartellino attaccato al sacco del seme, per dimostrare di avere acquistato seme e coltivato canapa certificata di varietà iscritta nel Catalogo Europeo, dove vengono iscritte soltanto varietà per le quali è stato dimostrato dall’ente costitutore un contenuto di THC inferiore allo 0,2%
- entro 30 giorni dalla semina comunichi l’avvenuta semina ed emergenza alla Stazione delle Forze dell’Ordine più vicina ai terreni coltivati. Si precisa che la comunicazione deve essere fatta ad un solo comando (tra Carabinieri, Forestale, Polizia di Stato e Guardia di Finanza si comunica soltanto al presidio più vicino ai luoghi di coltivazione), anche per evitare alle Forze dell’Ordine lavori inutili. Il modulo di comunicazione viene inviato al coltivatore da Assocanapa srl insieme alla fattura di acquisto del seme.

CONTRATTO DI PRIMA TRASFORMAZIONE DELLE PAGLIE: CI VUOLE O NON CI VUOLE?

Il contratto di prima trasformazione delle paglie era stato previsto dalla normativa europea per la corresponsione del contributo PAC per la coltivazione ed era stato elencato nelle Circolari del Ministero delle Politiche Agricole abrogate come documento indispensabile per la liceità della coltivazione. In sostanza anche oggi il coltivatore, che non ha più l’obbligo di avere in mano un contratto di prima trasformazione, deve dimostrare quale destinazione ha dato alla canapa che ha coltivato, può trattarsi anche di sovescio, il problema può essere quello della prova, ragione per cui è bene pensarci per tempo.
Da quando alla canapa è stato attribuito lo stesso contributo previsto per i seminativi, il contratto di prima trasformazione non è più richiesto per il contributo PAC. E’ però capitato anche nel 2014 che in alcuni casi tale contratto sia stato richiesto nei controlli da parte delle Forze dell’Ordine, che sono controlli con finalità diversa da quella dei controlli amministrativi.

COME ACQUISTARE IL SEME

E’ possibile prenotare e ordinare le sementi di canapa presso Assocanapa srl scrivendo ad assocanapasrl@gmail.com oppure telefonando al numero 011 9715898.

CONSIGLI PRATICI SU TECNICHE AGRONOMICHE

Consultare il sito www.assocanapa.org alla sezione Agronomia degli Approfondimenti, leggere bene questa scheda e in caso di dubbi rivolgersi al consigliere Assocanapa Cesare Quaglia all’indirizzo mail: cesarequaglia@libero.it

AIUTO IN CASO DI PROBLEMI

Assocanapa fornisce assistenza agli agricoltori. Per fornire informazioni e materiale documentario alle Forze dell’Ordine o per chiarire situazioni scrivere al consigliere Assocanapa Margherita Baravalle all’indirizzo assocanapa@gmail.com
In casi di urgenza estrema telefonare al numero 011/9715898.
 

www.assocanapa.org :: assocanapa@gmail.com :: via Morello 2/A - 10022 CARMAGNOLA (TO)