NEWS

Riflessioni di settembre sulla canapa
tra dibattiti e convegni


CARMAGNOLA (TO) - Settembre caldo. Prima una serata a Carmagnola (lunedì 4) dedicata alla canapa,  poi un convegno internazionale a Torino (venerdì 29). Dalla terra di casa nostra per poi volare alto e arrivare ad orizzonti e prospettive sempre più ampie.

Partiamo come sempre dalla nostra terra e, come sempre, con i piedi per terra e dalle nostre esperienze “sul campo”: “I fiori delle nostre canape, Carmagnola e CS (Carmagnola Selezionata)” è l’incontro presentato da Assocanapa – Coordinamento Nazionale per la Canapicultura lunedì 4 settembre a Carmagnola  in occasione della Sagra del  Peperone in cui si confronteranno a 360 gradi aziende agricole produttrici, malati, medici, ricercatori, legali, farmacisti erboristi, biologi, utilizzatori ludici, fumatori, ciascuno portando esperienze, idee e proposte. Senza preconcetti e nel rispetto di tutti. In piazza Sant’Agostino (stand BCC), ore 18.30.
Coltivando canapa industriale dal 1990 per conservare e moltiplicare le storiche varietà Carmagnola e CS (Carmagnola Selezionata) e producendo e vendendo da sette anni sotto il controllo dei NAS Antidroga del Ministero della Salute infiorescenze delle nostre varietà, abbiamo contatti costanti con malati di diverse patologie, medici, ricercatori e diverse strutture sanitarie pubbliche e private di eccellenza.
Negli ultimi tre anni abbiamo cercato di stimolare l’Assessorato alla Salute della Regione ad “aprire” sulla canapa e in particolare sulle “nostre” canape, alle quali non si applica la normativa antidroga.
Abbiamo richiesto di avviare sperimentazioni mirate su alcune patologie ad impatto sociale elevato e sulla terapia del dolore in generale.
Abbiamo ottenuto parole di interessamento che non hanno avuto finora seguito nonostante abbiamo portato l’esempio di Israele e fatto presente al Governo Regionale che ci sembra che il Piemonte stia perdendo un’occasione importante di avanzamento della ricerca, di possibilità di cura senza costi aggiuntivi rispetto agli attuali per molti malati che oggi ne sono privi, di ossigeno per le imprese di alcuni settori, di creare posti di lavoro, di sviluppo economico in generale.
Più di recente ci siamo resi conto che esiste in Piemonte (anzi tra il Piemonte e la Liguria) un’interessante “concentrazione di cervelli” impegnati sulla canapa o su fronti sui quali esiste oggi nel mondo scientifico molto interesse per le possibilità offerte dalla canapa, una concentrazione che potrebbe “fare massa critica” se soltanto fosse organizzata come lobby pur avendo ognuno mission molto specifiche.

Il “tiro” sulla ricerca in ambito terapeutico si alzerà di molto a fine mese a Torino: venerdì 29 si parlerà infatti di “Terapie stupefacenti”, convegno internazionale organizzato dall’Associazione Luca Coscioni sul diritto alla scienza e la libertà della ricerca su sostanze psicotrope ospitato dall’Università di Torino in occasione della quarta riunione del G7 dei ministri della scienza e della tecnologia. Campus Luigi Einaudi, ore 9.30-19.30.  http://www.legalizziamo.it/

Scopo del convegno è affrontare sia i profili legali che scientifici del diritto alla scienza e della libertà di ricerca con particolare riferimento alle sostanze stupefacenti controllate e al loro possibile uso terapeutico; una parte importante sarà dedicata agli aggiornamenti sulle più recenti ricerche sulle sostanze stupefacenti per fini terapeutici e sulle sperimentazioni cliniche relative alle sostanze sotto il regime internazionale del controllo delle droghe.



 

www.assocanapa.org :: assocanapa@gmail.com :: via Morello 2/A - 10022 CARMAGNOLA (TO)