GRUPPO ASSOCANAPA
Aggiornamento luglio 2016

Il Gruppo Assocanapa è oggi costituito dal Coordinamento Nazionale per la Canapicoltura e da Assocanapa Srl.

ASSOCANAPA
è la sigla dell'associazione denominata Coordinamento Nazionale per la Canapicoltura in Italia costituita nel 1998 con sede a Carmagnola (TO), comune che nei secoli scorsi fu famoso nel mondo per la produzione del seme di canapa.

Raggruppa coloro che dal 1990 hanno coltivato canapa industriale più appassionati della materia; ha natura di movimento con diverse anime, da quella agricola tradizionalista, all’agricola ambientalista a quella ambientalista ed antiproibizionista, comunque sempre con una forte connotazione per la sostenibilità.
Organizzata secondo principi di sussidiarietà, ha sedi operative locali o referenti in tutte le regioni italiane, circa 422 soci regolari oltre a soci onorari; 700 aziende agricole e altre realtà l’hanno come riferimento per la coltivazione e lavorazione della canapa.
E' previsto che dopo l'entrata in vigore della legge sulla canapa industriale i soci del Coordinamento Nazionale potranno, una volta all'anno, espletare una specifica procedura per l'ingresso in Assocanapa Srl o in società da essa derivate.

Tiene rapporti costanti con MIPAF, AGEA, Direzione Centrale dei Servizi Antidroga del Ministero dell’Interno, Ministero della Salute, organizzazioni di categoria degli agricoltori, CREA SCS ex ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette), diverse sedi del CREA CIN (già ISCI Istituto Sperimentale Colture Industriali), diverse sedi del CNR ed altri istituti del Ministero dell’Agricoltura, Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia Forestale, regioni, province, industrie. Da anni tiene contatti diretti con la FNPC (Fédération Nationale Producteurs de Chanvre) e con la C.C.P.S.C. (Coopérative Centrale Producteurs de Semence de Chanvre), con i produttori e primi trasformatori di canapa francesi, tedeschi, austriaci, ungheresi, cechi, polacchi, spagnoli, belgi, croati, slovacchi, sloveni, bulgari, lituani, russi, cinesi, con i componenti della EHIA che ha sede in Germania e che nonostante il nome si riferisca all’Europa, ha ormai iscritto tutte le aziende che nel mondo lavorano con la canapa.

Nel 1999 ha ottenuto dall’ISCI la concessione della riproduzione in esclusiva delle varietà elette italiane Carmagnola e CS, successivamente e per un certo periodo ha anche riprodotto Fibranova; esercita i diritti di moltiplicazione mediante ASSOCANAPA srl.
Ha aggiornato le pratiche agronomiche per la coltivazione della canapa con i mezzi di cui oggi le aziende agricole dispongono, mettendo a punto tecniche innovative in particolare per le produzioni da seme ed ha fornito e fornisce agli agricoltori assistenza tecnico agronomica, amministrativa e legale.
Ha stimolato il riconoscimento di primi trasformatori di paglie di canapa in Italia e stipulato contratti di conferimento di fibra di canapa con aziende italiane allora leader nel settore della produzione di pannelli termosaldati e di pannelli morbidi agugliati.
Con risorse limitatissime, ha attuato negli anni un’importante attività di sensibilizzazione e promozione facendo interessare di canapa pressoché tutti i giornali italiani a maggiore tiratura e molte importanti reti televisive.

Pur trovando nel mondo agricolo molto interesse per la coltura e disponibilità ad impiantarla, constatato che l’anello debole della filiera (conseguenza dell’interruzione della coltivazione per oltre 50 anni) era la mancanza di macchinari moderni per la raccolta e soprattutto per la prima trasformazione, ASSOCANAPA ha sempre trattenuto gli agricoltori dalla semina di superfici di grande dimensione, in attesa che il gap tecnologico fosse colmato. Per molti anni quindi si sono coltivati in Italia in media da 100 a 150 ettari.
Dopo l'entrata in funzione del primo prototipo di impianto di prima trasformazione realizzato da Assocanapa srl a Carmagnola (TO) e l'acquisto delle paglie da parte di Assocanapa Srl, le superfici coltivate a canapa in Italia sono cresciute ogni anno fino al 2016. Il trend positivo si è interrotto in conseguenza della mancata attivazione di altri impianti di prima trasformazione in altre parti d'Italia. L'impianto di Carmagnola oggi serve essenzialmente la produzione piemontese.

ASSOCANAPA ha partecipato a progetti di ricerca finanziati da Provincia di Bologna, Consorzio Universitario Piceno, Pianalto di Poirino, Comune di Tuoro sul Trasimeno e altri, Comuni del Canavese, Ministero della Ricerca, Regione Toscana, Regione Piemonte, Musei ed istituzioni scolastiche diverse.

ASSOCANAPA SRL

Constatando l'inerzia delle industrie ad entrare nella lavorazione del prodotto agricolo derivante dalle coltivazioni di canapa e a costruire i macchinari necessari, nell’ottobre 2002 con un gruppo di suoi associati che hanno impegnato risorse finanziarie proprie, ASSOCANAPA ha costituito la società ASSOCANAPA srl, con lo scopo di riprodurre e commercializzare sementi di varietà italiane e di commercializzare sementi di produzione estera, progettare e realizzare macchine per la prima trasformazione delle paglie e per la coltivazione della canapa, gestire successivamente la raccolta e le prime lavorazioni, fornire gratuitamente alle industrie di diversi settori campioni su scala industriale di materiali a base di canapa, stabilire partenariati con le industrie, richiedere finanziamenti pubblici per la ricerca e lo sviluppo delle attività produttive, finanziare le attività promozionali dell’associazione.

ASSOCANAPA srl ha ottenuto nel marzo 2003 dalla Regione Piemonte il riconoscimento come ditta sementiera ed ha iniziato sotto il controllo dell’ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette) la riproduzione della semente delle varietà italiane di canapa, mediante contratti di coltivazione con agricoltori.
Dalla campagna agraria 2006, grazie ad un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Toscana, dispone di un prototipo di mietitrebbia adattato per le varietà italiane ed ha collaborato con aziende agromeccaniche per la costruzione di testate adatte alla mietitrebbiatura delle canape di grande statura.
A seguito di queste attività, ASSOCANAPA srl ha potuto fino al 2014 soddisfare tutte le richieste di seme di canapa della varietà tradizionale italiana Carmagnola, richiesta anche dall’estero.

Contemporaneamente si è mossa in coerenza con le linee ispiratrici di ASSOCANAPA, nel senso che nelle scelte tecniche possibili vengono adottate le soluzioni che consentono la prima trasformazione da parte delle aziende agricole, evitando i centri di lavorazione industriale di grandi dimensioni che risultano antieconomici perchè poco flessibili alle esigenze del mercato e non sostenibili sotto il profilo ecologico.

Con un prototipo di macchinario a produttività ridotta e in grado di trattare soltanto canapa macerata nel 2006 ASSOCANAPA srl ha ottenuto dalla Regione Piemonte il riconoscimento come primo trasformatore di paglie di canapa. Lo stesso macchinario ha consentito di fornire gratuitamente a molte aziende industriali di diversi settori semilavorati di canapa per le sperimentazioni.
Successivamente ASSOCANAPA srl ha realizzato insieme al CNR IMAMOTER e con un parziale contributo della Regione Piemonte un altro prototipo di macchinario più evoluto ed innovativo e  a resa maggiore. Con tale macchinario installato a Carmagnola vengono prodotti semilavorati per l’edilizia, in particolare:
-canapulo di diverse pezzature per la produzione di biomattoni in calce e canapa o terra cruda e canapa, getti in cantiere, cappotti isolanti, intonaci;
- fibra per la produzione di pannelli isolanti e fonoassorbenti.

Per maggiori informazioni sull'impianto, vedere negli approfondimenti la voce "Impianto di prima trasformazione".

Dal 2009 ASSOCANAPA srl ha dato inizio alla produzione di semilavorati di seme di canapa per il settore alimentare/nutraceutico  (olio di semi, seme decorticato, farina) e di prodotti finiti (paste alimentari, prodotti da forno dolci e salati, cioccolato, birra e altro ancora).
Nel 2012 è arrivata ai prodotti cosmetici e curativi a base di olio di semi di canapa e di complesso di cannabinoidi.
Nel 2013 è arrivata ad un primo filato e tessuto con fibra di canapa prodotta in Italia.
Nel 2016 sono attese importanti novità nel settore tessile e in quello dei pannelli isolanti/fonoassorbenti.

ASSOCANAPA srl è membro associato del Polo Tessile di Biella e della EHIA (European Hemp Industries Association).
Ha partecipato nel 2005/2008  al progetto “Canapone” finanziato dall’ARSIA della Regione Toscana per lo sviluppo della filiera della canapa tessile. Insieme ad altri partners attivi nel settore delle macchine agricole, si è qualificata al bando “Made in Italy” del Ministero dello Sviluppo.
più di recente è’ stata titolare della parte relativa alla canapa nel Progetto T.U.N. (Tessile Umbro Naturale) con il Politecnico delle Marche e partner con altra impresa, il Politecnico di Torino e il CNR ISMAC di due progetti relativi a materiali per l’edilizia.
Ha presentato progetti di ricerca anche con l’Università Sapienza di Roma (facoltà di ingegneria aerospaziale),   la seconda Università di Roma, l’Università Federico II di Napoli.


 

www.assocanapa.org :: assocanapa@gmail.com :: via Morello 2/A - 10022 CARMAGNOLA (TO)